the piano roomFrancesco Gazzara è un compositore di musiche per il cinema e la tv dai primi anni Novanta. Ha lavorato con registi del calibro di Ferrara, Comencini e Del Monte, la sua band Gazzara è una delle colonne internazionali dell'acid-jazz, lounge e soul, mentre con The Piano Room ha voluto omaggiare il suo amore per il rock colto britannico, certo folk-prog e la musica di Canterbury. 2084 è il quarto titolo di The Piano Room, dopo The Piano Room (2006), Early Morning (2007) e Breath Feel (2009). Le tre tracce bonus contenute in 2084, in versione pianistica come sono state scritte in origine, si riallacciano proprio ai precedenti album The Piano Room.

Add a comment
morlocksPer un neofita, potremmo introdurre i Morlocks come: nient’altro che la migliore Garage-Punk band in circolazione”. Storia travagliata la loro, che riconduce ad uno dei migliori  insegnamenti per le nuove generazioni sul tema: cosa diavolo significa la parola “Rock“.
Add a comment

anni 70Il bel libro di Giordano Casiraghi è il frutto di anni ed anni di ritagli giornalistici, di ricerche, di incontri, interviste, colloqui. Un libro fondamentale che non può né deve mancare nelle librerie dei rockettari (così ci chiamavano) e non solo in quelle. Il lavoro mastodontico di Giordano vale la pena di essere acquistato, letto e riletto, tenuto sempre a portata di mano per capire e comprendere come la generazione anni 70 ha lasciato un’eredità difficile da raccogliere. Lo dimostrano, forse, le generazioni venute dopo.

Add a comment
filosofia led zeppelinEstasi, etica, estetica, tre parole nelle quali è racchiuso tutto ciò che la più grande band rock del mondo è riuscita a rappresentare. Un libro che con il titolo “La Filosofia dei Led Zeppelin”, ed un sottotitolo che è quasi tutto, “edonismo vitalista e volontà di potenza”, rappresenta davvero un tassello fondamentale per capire quanto questa grande band inglese sia riuscita a rappresentare e ad essere per la musica dell’epoca, e per tutta quella che è nata dopo.Scritto in modo piacevole e scorrevole (quando lo leggerete lo divorerete in poche ore),
Add a comment

eteronimieUn tocco di originalità, comunque, lo si può ben trovare in questi ragazzi che corrispondono al nome di VieuxCarre’ e che comprende, almeno per questa seconda produzione, Alessandro Bartolucci alle tastiere, Federico Barbieri alla batteria, Filippo Zelli alle chitarre, Marco Rimbaldi alla voce e Nicola Palladino al basso.

Add a comment

enrico bevilacquaGroove ed atmosfere tra Miller e Notorius B.I.G. rendono l’esordio di Enrico Bevilacqua qualcosa di diverso dal solito tran tran musicale.Era ora che qualcuno si decidesse a farlo.

Brooklin, album d’esordio di Enrico Bevilacqua, pubblicato nel 2016, è davvero un lavoro considerevole sia sotto il profilo musicale che sotto quello dei musicisti coinvolti. Si perché gli “ospiti” internazionali di cui Bevilacqua ha usufruito in sala d’incisione,  hanno dato al lavoro un maggiore spessore a quell’idea che, già dir per sé, era tutta un divenire.

Add a comment

frances p no regrets 01No Regrets è l’EP d’esordio della giovanissima Frances P, nome d’arte dietro cui si cela la cantautrice Francesca Piras, una voce black accompagnata da una chitarra acustica. Lavoro in bilico fra l’R&B e il soul, fra brani più aggressivi ed altri più soffusi, “No Regrets” è registrato interamente in acustico, voce e chitarra, con sovraincisioni minime con l’obbiettivo di puntare all’essenzialità, all’emozionalità della esecuzione live, da buona tradizione blues. «Ho voluto mantenere la semplicità con cui ho composto le canzoni in camera mia. Ho deciso di registrarlo da una faccia già amica, Andrea Cutri, una persona di cui mi fido ciecamente, un professionista del settore». 

Add a comment

copertina giò 320x320Il cantautore udinese sembra essere con questo esordio alla ricerca di un sacro gral. La strada intrapresa pare buona e lo confermano alcuni passaggi di questo disco. Sarà, ma qualcosa prima o poi Succederà. Ci hanno scommesso due etichette…e non è poco.

Succederà è l’esordio discografico del cantautore di Udine, Giò, che arriva al debutto dopo una gavetta non indifferente. Sei tracks capaci di spaziare tra un pop rock altalenante ed un cantautorato che mantiene ben salde le sue radici nella scuola italiana.

Add a comment

Cristian Nevola - Sfumature

Archivio video