img 20200704 080842Il perdurare dell’emergenza correlata all’epidemia da Covid-19 fa emergere la carenza di personale sanitario e socio-sanitario nelle strutture del servizio sanitario pubblico, in particolare personale medico – con specializzazione in anestesia e rianimazione, medicina d’urgenza, malattie infettive, pneumologia e altre - e personale delle professioni sanitarie ex L. 251/2000 – in particolare infermieri, tecnici sanitari di radiologia medica, tecnici di laboratorio biomedico, assistenti sanitari - e operatori socio-sanitari.

Per questo motivo, il consigliere regionale Mario Pendinelli, con l'emendamento alla legge di bilancio della Regione Puglia approvato nella notte tra il 21 ed il 22 dicembre, ha reso possibile il conferimento di  incarichi di lavoro autonomo (anche di co.co.co) al personale infermieristico in quiescenza, fino alla fine dell’anno 2021 e non solo fino al termine dello stato di emergenza , anche in alternativa al reclutamento di personale mediante le ordinarie procedure di assunzione.

La misura riservata alle aziende sanitarie può contribuire a ridurre la necessità di reclutare personale con le ordinarie procedure di assunzione.

Inoltre, sempre per fronteggiare la grave carenza di personale specializzato, il comma 2 dell'emendamento prevede la approvazione entro 30 giorni del regolamento per la formazione di Operatori Socio Sanitari Specializzati, già previsto dall’Accordo Stato Regioni del 16 gennaio 2003. La misura è orientata a formare personale OSS SPECIALIZZATO con percorsi di 300 ore che, come precisato nell’Accordo vigente, collabora con l’infermiere o con l’ostetrica e svolge alcune attività assistenziali.

Tale misura può contribuire, mediante inserimento supplementare di OSS rispetto agli standard di personale infermieristico nelle strutture socio sanitarie per anziani, a soddisfare il fabbisogno assistenziale nelle strutture socio-sanitarie per anziani. L’attivazione di questo percorso formativo risulta particolarmente importante in quanto accompagnata ad una previsione normativa che consenta di collocare, sino alla fine dello stato di emergenza e comunque sino al perdurare della carenza di personale sanitario del comparto, anche in assenza di previsione contrattuale, il profilo dell’Operatore Socio Sanitario Specializzato nelle Aziende Sanitarie e nelle RSA.

Mario Pendinelli

Fast News

Archivio video