francesco colaciPretestuosa e mistificatrice della realtà è la polemica sollevata dal Partito Democratico di Galatina, secondo il quale l'impegno portato avanti anche e soprattutto dal Movimento Regione Salento per la realizzazione della Metropolitana di superficie del Salento sarebbe orientato tutto verso il versante adriatico, ignorando la zona ionica della provincia.

Un'accusa non solo gratuita, ma soprattutto infondata quella mossa dai responsabili dei circoli dem che dimostrano un totale scollegamento con quanto accade nel territorio.

Il nostro impegno è rivolto, come più volte abbiamo sottolineato in numerose occasioni, per avere l'elettrificazione di tutta la rete di FSE salentina. Lo abbiamo gridato a gran voce anche durante la grande manifestazione dello scorso 8 gennaio a bordo delle carrozze che ci hanno portato da Lecce a Gagliano del Capo, percorrendo proprio la linea ionica delle Sud Est (la Novoli-Leuca, appunto). Un dettaglio – se così si può definire – del tutto omesso dai democratici di Galatina che non si sono fatti trovare presenti al passaggio del convoglio in una delle stazioni a loro più vicine.

Il progetto “Metropolitana di superficie Martina Franca – Lecce – Gagliano del Capo” prevede l’elettrificazione della linea Martina Franca – Gagliano del Capo, compresa la Maglie – Otranto. Si tratta, perciò, di un’opera dall'importanza imprescindibile per tutto il Salento perché permette di integrare la rete ferroviaria salentina con il sistema ferroviario regionale e nazionale.

Nessuno ha mai voluto dimenticare il versante ionico, men che meno il Presidente Paolo Pagliaro che nella richiesta di audizione formulata il 25 febbraio 2021 in Commissione regionale, scriveva nero su bianco: “una volta elettrificate, le linee salentina di FSE avranno un grado di interoperabilità maggiore e potranno vedere un incremento dell'offerta ferrovia poiché più facilmente percorribili anche da altri vettori sfruttando le interconnessioni già esistenti con RFI. Vista l'esigenza di estendere l'elettrificazione e la messa in sicurezza anche al tratto ionico delle FSE fino a Gallipoli, e alla tratta Lecce-Gagliano del Capo via Novoli, è importante sapere se la Regione intenda attivarsi per ottenere finanziamenti ad hoc”.

Il PD di Galatina, quindi, farebbe meglio in prima battuta a prestare più attenzione a quanto avviene nel territorio, per poi sollecitare i vertici del proprio partito (a partire dal Presidente della Regione Emiliano) nel sostenere un'annosa battaglia che il MRS combatte strenuamente sul campo. Una battaglia, al pari di quella per l'Alta Velocità fino a Lecce, che è una battaglia di tutti, dell'intero Salento.

Francesco Colaci

Coordinatore Cittadino e il direttivo di Galatina

Movimento Regione Salento

Fast News

Archivio video