comune di nevianoCon la presente si intende portare alla cortese attenzione dei soggetti istituzionali coinvolti la situazione di sconforto e disagio di migliaia di cittadini nevianesi con riguardo alla paventata possibilità di chiusura del centro socio assistenziale sito presso l'ex plesso scolastico Papa Giovanni XXIII; tale chiusura comporterebbe infatti la perdita dei servizi offerti a tutti i fruitori della provincia leccese.

Per mere esigenze di sintesi si evita, in questa sede, di riportare nel dettaglio la grottesca cronistoria di questa struttura, nata dapprima a seguito della richiesta di fondi per la costruzione di un centro per donne vittime di violenza e divenuta successivamente sede del poliambulatorio con il benestare dell'Ambito territoriale sociale di zona, soggetto deputato alla gestione del progetto di cui in oggetto; oggi, a seguito di controlli, la Regione Puglia ha comunicato la necessità di procedere alla revoca ed al recupero del contributo comunitario per le ragioni debitamente elencate nella documentazione cui ci si riporta integralmente.

Vieppiù considerando che l'altro ed alto rischio a cui la popolazione potrebbe essere direttamente esposta è la perdita del centro socio assistenziale se il Sindaco del Comune di Neviano non troverà altri locali idonei ad ospitare il Poliambulatorio. Appare dunque doveroso e prudente fornire alla cittadinanza nevianese, e non solo, una risposta istituzionale sinergica e funzionale alla migliore soluzione della problematica venutasi a creare, onde evitare che a pagare il prezzo di errori altrui siano migliaia di cittadini. Tale "pasticcio", frutto di una gestione amministrativa approssimativa e superficiale, forse orientata da interessi politici personali, e di gravi assenze istituzionali in fase di gestione e controllo per cui i soggetti responsabili verranno chiamati a rispondere nelle sedi opportune, potrebbe determinare oggi la chiusura del Poliambulatorio, divenuto centro di riferimento di imprescindibile importanza per anziani e centinaia di famiglie che rischiano oggi di perdere servizi di prossimità di primaria importanza.

Tale struttura infatti è risultata pienamente funzionante e gradita dalla cittadinanza nevianese e non solo. Con nota prot. n. 45977 del 05/11/2019 l'Ambito territoriale sociale di Galatina, dopo aver ritardato nell'accreditare la struttura e permesso e concesso per anni l'utilizzo della struttura in oggetto quale sede del centro socio assistenziale, contribuendo cosî a far cristallizzare la situazione di fatto oggi esistente sul nostro territorio, tenta oggi di correre ai ripari richiedendo una nuova autorizzazione al funzionamento della struttura quale alloggio per adulti in difficoltà Appare doveroso a tal riguardo ricordare che il finanziamento si inserisce nel Programma Pluriennale di Asse III (PPA) "Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l'attrattività territoriale" che prevede interventi volti a sviluppare inclusione sociale e servizi per una maggiore e migliore infrastrutturazione sociale e sociosanitaria ma consente altresì di adeguare le strutture alla realtà sociale e ai bisogni del territorio locale. In piena crisi sanitaria, carenza di strutture ed allarme per la salute dei cittadini salentini non è forse il poliambulatorio, centro di servizi socio assistenziali, la massima espressione ed attuazione di quel principio di sussidiarietà che l'asse in oggetto intende incoraggiare e promuovere?

I cittadini, fruitori dei servizi primari alla persona, non possono permettersi di pagare un prezzo così alto sia in termini economici che in termini di servizi. La cittadinanza nevianese tutta e non solo, si oppone e si opporrà fermamente a tale scempio che si intende perpetrare esclusivamente a danno economico e sociale dei cittadini Alla luce di quanto detto, si chiede a tutti i soggetti istituzionali coinvolti di operare congiuntamente al fine di risolvere la situazione nel migliore dei modi per la cittadinanza salvando in primis il centro socio assistenziale; qualora dovessero emergere profili di responsabilità dovranno essere chiamati a risponderne i soggetti colpevoli e non un'intera incolpevole collettività

Pertanto con la presente si intende proporre e sollecitare la costituzione di una conferenza di servizi fra tutti i soggetti coinvolti previa sospensione di ogni successiva ed ulteriore decisione.C erti della Vostra collaborazione ed in attesa di un Vostro cordiale riscontro porgiamo cordiali saluti

I tesserati e simpatizzanti del circolo Pd di Neviano

Il costituendo Comitato per salvare il Poliambulatorio

Limita il contagio da Corona Virus

Archivio video