ospedale galatinaSulla questione delicata dell’Ospedale di Galatina, Interviene il Presidente della sezione di Galatina di Articolo Uno mdp-gruppo Liberi e Uguali, Daniela Sindaco.
L’eventuale chiusura del S. Caterina Novella priverebbe i galatinesi (e non solo, anche i cittadini di tutti i paesi limitrofi) di una importante struttura sanitaria, punto di riferimento di una vasta area con un bacino d’utenza di almeno duecentomila abitanti. Emiliano deve finirla con i tentennamenti! i cittadini di Galatina hanno il diritto di sapere se potranno o no contare sul loro ospedale. 

Depotenziare l’ospedale Galatinese ed attivarne uno nuovo tra Maglie e Melpignano sarebbe una scelta incomprensibile. Il Coordinamento di Galatina di Art.Uno mdp- gruppo liberi e uguali, a gran voce reclama la possibilità di continuare ad avere a Galatina una struttura sanitaria ospedaliera. In caso contrario, Galatina sarà privata del proprio ospedale, così come lo saranno Copertino, Scorrano e Nardò. Ad oggi, nonostante i primi disastrosi effetti del piano regionale di riordino ospedaliero ed il progressivo depotenziamento della struttura galatinese (ormai, da troppo tempo, impossibilitata a somministrare alla collettività i servizi che un bacino d’utenza di almeno 200.000 abitanti si attende), non risulta che l’amministrazione comunale abbia fatto o stia facendo nulla di tangibile per scongiurare il disastro che si sta delineando. 

E’ recente la delibera dell’Asl di Lecce sull’accorpamento del reparto di ortopedia galatinese con quello del Vito Fazzi, dove vede Direttore il Dott. G. Rollo. Questa decisione è di rilevante importanza, in quanto si riconosce un ruolo di eccellenza al reparto del nosocomio galatinese, che da circa due anni a questa parte registra un incremento di interventi. Ancora non è chiara la sorte del reparto di Pediatria, che anch’esso negli ultimi anni ha registrato notevoli ricoveri e si può con certezza definirlo un fiore all’occhiello dell’ospedale. Se la Regione deciderà di chiudere Pediatria, sarà anche a rischio il punto nascita! Non possiamo, anzi ci ribelliamo a tutto ciò.

Sulla questione, finalmente dopo circa un anno è intervenuto anche il Sindaco Amante, peccato sarebbe potuto intervenire un po' prima, sempre negli interessi dei cittadini, ma come si dice: meglio tardi che mai! Il punto nascita dell’ospedale di Galatina solo nel 2017 ha registrato oltre 650 parti, a confronto dell’Ospedale di Copertino ( in riferimento al dibattito per l’assegnazione del punto nascita tra Galatina e Copertino) che conta poco più di 550 parti. Non mi resta che invocare l’intervento del Consigliere Regionale di Art. Uno MDP, Ernesto Abaterusso, per un pronto intervento in Regione.

I Galatinesi e tutti i paesi limitrofi non possono essere privati dell'ospedale. La salute è un diritto di TUTTI !

VII Festival Canoro del Centro D.I.R.E.

Archivio video