brunoÈ un volume divulgativo che ripropone le potenzialità della fiaba sia nella crescita individuale sia come strumento didattico; un libro scritto da una docente, sicuramente esperta e rispettosa dei documenti ministeriali che parlano di abilità e competenze, anche se proprio le ultime "riforme" hanno ridotto la lettura a mera abilità strumentale.

L'operazione della Bruno, ad ogni modo, è interessante perché rivaluta la fiaba e costruisce concretamente dei laboratori per diverse discipline e offre dei format, così tanto in voga, di Unità di Apprendimento per la Primaria e per la scuola dell'Infanzia.

Interessanti sono le applicazioni pratiche suggerite nel testo per affrontare temi formativi indifferibili, come l'inclusione, il bullismo, la legalità, l'intercultura.

Di ottimo livello divulgativo sono i primi due capitoli in cui l'autrice presenta la fiaba come un formidabile veicolo di valori, comportamenti, sogni, oltre ad essere indicato come un genere insostituibile nell'attività creativa capace di sviluppare cognitività e moralità nel soggetto in formazione.
Impreziosisce il volume l'appendice che contiene interventi di alcuni nomi significativi dell'ICWA (l'Associazione italiana degli scrittori per ragazzi), di cui ricordiamo solo alcuni testimoni: Fulvia Degl'Innocenti, Roberto Piumini, Chiara Segré, Marco Tomatis, Loredana Frescura.

Un libro per adulti, in particolare insegnanti ed educatori, guida veloce sia teorica sia pratica, che bene integra l'antologia in adozione.

Cristian Nevola - Sfumature

Archivio video