menhir stazione a zollinoDopo oltre tre anni di studi, approfondimenti tecnici e attività culturali per la valorizzazione delle risorse rurali e litiche tra Epiro e Salento, il Comune di Zollino, nel cuore della Grecìa Salentina, presenta il 28 novembre alle ore 15:00 presso l’aula consiliare, gli ultimi risultati del progetto cofinanziato con fondi Interreg:
- un vero e proprio Museo virtuale, accessibile anche tramite smartphone e tablet grazie ad un’APP con funzionalità di realtà aumentata che consente di arricchire la fruizione del bene culturale con informazioni grafiche e testuali sincronizzate dal dispositivo;
- un portale dedicato (www.stonetrad.it - in italiano e inglese) che propone itinerari turistico-culturali per scoprire il territorio, con particolare attenzione alle opere in pietra, attraverso la cartografia e gli strumenti propri del web gis;
- i contenuti dei due supporti tecnologici illustrati in precedenza, sono frutto di un censimento di tutte le strutture storiche in pietra. Un lavoro georefenziato e completato dall’analisi sistematica delle forme e delle tecniche di realizzazione che ha riguardato le architetture rurali a secco: trulli, furneddhri, aie, pajare, pozzelle ma anche strutture più antiche come dolmen e menhir;
- la sorprendente ricostruzione virtuale in 3d del Palazzo Baronale di Zollino, abbattuto negli anni ’70;
- un simposio tra giovani aspiranti artisti e tre affermati maestri scultori: Salvatore Rizzello, Alfredo Pecile e Giuseppe Castellano, i quali, a conclusione della giornata di domani, doneranno tre opere realizzate in pietra leccese che saranno collocate nell’area delle “pozzelle” di Zollino, il sito di architettura ipogea in pietra più interessante nella zona della Grecìa salentina, e in altri luoghi simbolo del paese;
- i risultati scientifici dei workshop sui temi dell’urbanistica, arte, archeologia, architettura, paesaggio, che saranno oggetto di apposito piano di divulgazione a cura di Ideadinamica;
- la mostra fotografica “Petra” di Daniele Coricciati;
- il documentario “Equilibri nel tempo” a cura di Meditfilm.
Al termine, una degustazione dei celeberrimi legumi di Zollino e della sceblasti, un altro prodotto tipico di grande tradizione culinaria.
“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato il sindaco di Zollino avv. Antonio Chiga – di questo percorso di valorizzazione delle risorse rurali, in chiave turistica ma anche identitaria, reso ancora più urgente dai furti di dolmen e menhir denunciati recentemente in provincia di Lecce. Lo studio del paesaggio e delle sue emergenze architettoniche è la soluzione più efficace per difendere efficacemente il nostro patrimonio archeologico da questi intollerabili furti. Il progetto StoneTrad ci ha dato la possibilità di fare una riflessione qualificata e approfondita sul patrimonio disseminato nelle nostre campagne, cercando di aumentare la consapevolezza di ciò di cui tutti noi salentini disponiamo. Un patrimonio che attira un turismo responsabile sul quale è strategico puntare con decisione. Sono visitatori italiani e stranieri – ha concluso il sindaco - che arriveranno sempre più numerosi se saremo capaci di supportarli con servizi adeguati e un supporto informativo di qualità”.

Qui il video-promo del progetto: https://www.youtube.com/watch?v=48ahoFM8cZM

Scuola del Teatro Musicale – Tribute to Bohemian Rhapsody

Archivio video