piedibusDomenica 13 ottobre, è la giornata nazionale dedicata al camminare a piedi. È stata promossa da FederTrek per conoscere le bellezze dei borghi e le campagne che circondano i centri urbani, spesso sconosciuti ai nostri occhi.

La città, infatti, è fatta di alberi e animali, di mura antiche e di corti che conservano e raccontano la storia del passato. La mobilità in automobile non consente di vedere le bellezze dei borghi e di conoscere gli animali e gli alberi che vivono in città. La città senza alberi è nuda e triste perché è senza i giardini con i parchi-giochi per i bambini, è senza le ombre fresche per difendere dal caldo sole coloro che riposano con gli amici nelle piazze attrezzate di verde.

Camminare a piedi è bello perché è più facile osservare e avere spiegazioni dagli adulti che meglio conoscono i volti e i luoghi della città. Per i bambini ciò favorisce, grazie ai genitori, la storia della città e loro diventano maestri per i figli; ciò serve per creare fiducia, generare sicurezza e insegnare ad avere rispetto per il proprio ambiente. Chi conosce il suo ambiente non lo sporca con i rifiuti, anzi lo difende dai maleducati perché sa che è lo spazio per la propria vita.

Nella nostra città il “PiediBus”, promosso dai volontari del progetto “Monitor 6017”, è stato una iniziativa lodevole di pedagogia sociale e di educazione ambientale per far conoscere ai bambini i percorsi che dalle loro case portano in città ed a scuola, scandito da tappe indicate con nomi dei prodotti della nostra terra, proprio per segnare la presenza amica della natura. L’iniziativa ha trovato l’entusiasmo dei bambini, ognuno di loro infatti, ogni giorno si presenta a scuola con il “biglietto” da obliterare appeso al collo per salire idealmente a bordo della carovana della mobilità sostenibile.biglietto

La scuola insegna che gli alberi li vedi con gli occhi e con le mani, li senti e scopri che sono il polmone della tua città. Gli alberi sono la bellezza per il paesaggio e sono l’utilità per l’aria perché sono loro ad essere capaci di ridurre la CO2, che oltre a causare il surriscaldamento causa anche l’avvelenamento dell’aria.

Ci rivolgiamo alle famiglie e chiediamo loro di rinunciare domenica all’automobile, di portare in giro per la città, per la campagna e nei borghi del centro antico i loro figli per conoscere quanto è ricco di storia il proprio paese e quanto è grande la campagna che lo circonda.

Luigi Mangia

Collaboratore ArtApp

Sara Calò

Volontaria Progetto “Monitor 6017” del SCU, Comune di Galatina

QUEENCUBO - A cappella Queen medley

Archivio video
diretta inondazioni