esaCome ogni missione spaziale che si rispetti, una squadra del settore tecnologico-informatico dell’IISS “Laporta-Falcone-Borsellino” è in fase di “pre-lancio”. “Another Earth”, questo il nome del gruppo interclasse, ha superato la prima delle quattro fasi della missione Astro-Pi 2018 dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea. Lo scopo della competizione Astro-Pi è quella di pianificare un esperimento scientifico che verrà realizzato nel corso del volo orbitale della Stazione Spaziale Europea; in particolare, per raggiungere la seconda fase, alcuni studenti dovranno sviluppare il codice che sarà eseguito nello spazio su un hardware speciale basato sul minicomputer Raspberry Pi.

Il gruppo, guidato da due docenti dell’Istituto, analizzerà in seguito i dati raccolti nella parte dell’esperimento che verrà svolta in un laboratorio dell’Istituto. Cosa dimostra tutto ciò? Se si vuole analizzare in dettaglio la sequenza di eventi che ha portato a questo parziale risultato, si può esser certi della presenza di Istituti scolastici, come il “Laporta-Falcone.Borsellino” che sono esempio di una realtà scolastica attiva, sia nell’ambito della categoria docenti che nell’ambito della categoria studenti. Inoltre dimostra la presenza di realtà del nostro territorio che sono ricche di fermenti e potenzialità e che dovrebbero essere alimentate per la crescita della società del territorio stesso.

La scuola vuole intercettare queste idee, farne protagonisti gli studenti nella speranza di dar vita ed impulso ad una generazione di innovatori tecnologici della società di domani. Ci si augura anche che la società esterna, nelle figure di Enti ed Amministrazioni, vogliano contribuire a questo sforzo i cui risultati ricadrebbero sull’intero territorio.

QUEENCUBO - A cappella Queen medley

Archivio video
diretta inondazioni