polizia commissariato galatinaSin dallo scorso mese di novembre e anche nei primi giorni del corrente mese erano state acquisite dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Galatina alcune denunce per truffe perpetrare prevalentemente in danno di anziani pensionati residenti in zona tutte ad opera di una donna la cui descrizione fisica risultava essere, di volta in volta, sempre identica.

Le conseguenti indagini portavano all’individuazione ed al successivo riconoscimento di M. S. di Galatina, persona  già sottoposta alla misura cautelare degli arresti domiciliari la quale approfittando della condizione di fragilità delle proprie vittime, tutte in età avanzata, spesso anche sole e senza assistenza, con raggiri ed artifizi consistiti nel far credere di trovarsi in gravi difficolta economiche tali da avere urgente necessita di prestare soccorso ai propri figli o addirittura fingendo di essere amica o conoscente dei familiari delle parti offese, si faceva consegnare piccole somme di denaro giungendo, talvolta, anche ad impossessarsene con violenza strappandole direttamente dalle mani delle vittime designate per poi darsi a precipitosa  fuga e facendo quindi perdere le proprie tracce.

A conclusione dell’attività di indagine M S. veniva deferita alla competente A.G. per i reati di cui sopra e nel pomeriggio di ieri 18 dicembre agenti del Commissariato di P.S. di Galatina l’hanno tradotta presso la Casa Circondariale di Lecce, in esecuzione dell’ordinanza di sostituzione degli arresti domiciliari con la custodia cautelare in carcere disposta dal Tribunale Ordinario- Sezione del Gip- di Lecce.

Fast News

Archivio video