216550 1116024674857 5120372 nChe poi la fine è sempre triste. Ma la tua storia Giuseppe è, purtroppo, più triste delle altre: ci fa guardare dritta negli occhi la totale impotenza dell’uomo davanti alla malattia, sempre presi dai nostri mille perché e per come ci prende per i piedi e ci tira giù a forza per ricordarci quanto siamo effimeri e che quello che abbiamo a disposizione è solo un tempo limitato.

I tuoi 39 anni non dovevano essere il tempo per andare via, ma la vita ha voluto così a dispetto della tua incessante lotta per poter continuare a veder crescere i tuoi bambini e dargli tutto l’amore possibile per farli diventare uomini adulti. “La vita è meravigliosa…. Nonostante tutto” scrivevi in uno dei tuoi ultimi post su facebook il giorno del tuo compleanno per ringraziare chi tra colleghi, alunni e amici aveva pensato a te in quel giorno speciale.

Quella frase si è impressa in me come lo sguardo dei tuoi bambini e la tua storia che da oggi soffierà nel vento di ogni 20 Dicembre. Allo stesso vento affido il pensiero e la speranza che tu possa aver ritrovato la serenità e la pace che la sofferenza ti ha tolto negli ultimi mesi. Al vento mando un abbraccio per i tuoi preziosi bambini e per tua moglie, perché possano trovare la forza di camminare con te nel cuore, e a tutta la tua famiglia che ti ha amato e hai amato come solo le persone speciali sanno fare.

Galatina: Caffè Letterario dell'IPAB

Archivio video